Decalogo

Per allievi attori; e per attori non incatenati al ruolo. 1. Ricorda che dietro la maschera c’è il tuo volto; cerca il tuo volto autentico dietro la maschera. 2. Il vuoto è la tua condizione; trattieni il fiato e poi tuffati nel vuoto per farlo risuonare; accetta il rischio dell’infamia. 3. La scena è una […]

Continua

Bruciare farfalle

Carissimi, stiamo per cominciare il primo anno del corso di recitazione. Lavoreremo insieme per diversi mesi, cercando di raggiungere un obiettivo ambizioso: imparare a recitare. Cosa vuol dire recitare? Detto molto semplicemente: recitare è giocare: giocare con se stessi e con il proprio corpo, giocare con il linguaggio, giocare con gli altri, giocare con lo […]

Continua

Genova, luglio 2001

Genova, luglio 2001: va in scena il terrore di stato. Venerdì 20 la città è spettrale, bellissima. Per le strade soltanto poliziotti e persone venute a Genova per gridare il loro “No” agli 8 Grandi. Qui è la realtà, mi dico, qui si mostra la vera faccia del controllo. Si cammina veloci, nel timore di […]

Continua

Poesia è la voce

La voce è la condizione stessa dell’attore: la condizione di chi vive nell’opera. Proprio per questo ogni movenza dell’attore è sonora. Recitare, vale a dire muoversi in uno spazio silenzioso, è formare quella che si potrebbe denominare la scena del pensiero acustico. Urlo e canto, rutto fragoroso e respiro, narrazione e mutismo: al gesto vocale […]

Continua

Questa vita è corta

Un rifugio, o forse un cimitero, o una cella d’isolamento, oppure un teatro, una cella-teatro, ecco; oppure un sarcofago, o un mausoleo, anzi: un museo, un museo che espone un’unica opera d’arte vivente: l’attore. Buio. Un uomo con la pistola. Vestito elegante: camicia bianca (collo alla coreana), giacca e pantaloni neri, scarponi; abito molto contemporaneo. […]

Continua